Davide Gammone

Una delle escursioni più belle a Zanzibar, da non perdere assolutamente, è il Safari Blu, un'intera giornata a contatto con il mare cristallino e la natura incontaminata, ma soprattutto assaggerete dell'ottimo e freschissimo pesce alla griglia.

https://www.instagram.com/p/Bml_QUsAhDL

Il Safari Blu è una delle escursioni più "costose", ma anche la più completa, poiché sono previsti diversi spostamenti in minivan e in barca, pranzo compreso, il tutto al costo di circa 35 euro.

I Beach Boys verranno a prendervi all'ingresso del vostro resort per raggiungere le imbarcazioni (Dhow) sulla spiaggia di Fumba. L'escursione prevede, a seconda delle maree, una breve sosta su di un isolotto, dov'è presente una piccola foresta di mangrovie. Qui la natura è incontaminata, ma non è l'ideale per fare un bagno poiché l'acqua è bassa, poco limpida e fangosa.

https://www.instagram.com/p/Bn61HYLAgZx

La giornata prosegue alla scoperta dell'atollo di Nakupenda, una lingua di sabbia nel bel mezzo dell'oceano indiano, conosciuta anche come "l'Isola che non c'è" perché a seconda delle maree scompare e riappare. Potersi tuffare in quel mare cristallino non ha prezzo, anche la temperatura dell'acqua è piacevole (26°C circa nonostante fossimo nella stagione invernale). Non potrai fare a meno di scattare splendide foto per immortalare questo paradiso terrestre.

https://www.instagram.com/p/BokCzqwAsKs

Sulla spiaggia i pescatori provvederanno ad allestire dei piccoli gazebo sotto i quali sarà possibile rilassarsi e proteggersi dal sole, ma soprattutto mangiare della frutta fresca tagliata e pulita davanti ai vostri occhi. Non ho mai assaggiato un ananas così saporita! L'atollo è molto piccolo, per cui potrete visitarlo tutto. Unica pecca, di solito è molto affollato poiché è prevista una sola escursione a settimana.

Dopo una breve sosta, siamo risaliti sulle imbarcazioni per fare un po' di snorkeling in mare aperto, ammirando banchi di pesci colorati, attinie, anemoni di mare e coralli.

https://www.instagram.com/p/BoMluiZAiWd

Successivamente, si prosegue con le barche alla volta dell’isola di Kwale, dove vi attenderà un succulento pranzo a base di pesce grigliato. Abbiamo assaporato cicale di mare, aragoste, gamberi, polpo, riso con salsa di cocco e patate fritte, da bere bevande gassate ed acqua in bottiglia.

Dopo pranzo, potrete passeggiare tra le varie capanne presenti sulla spiaggia, per acquistare qualche souvenir. Consiglio i parei, molto belli e colorati, con prezzi più economici rispetto a quelli delle capanne situate accanto ai resort.

Ultima tappa dell'escursione è la visita al Baobab, un albero gigante e plurisecolare, che nonostante sia caduto continua a vivere. È possibile salire sul suo grosso tronco, ed una volta in cima potrete ammirare la folta vegetazione che lo circonda.

https://www.instagram.com/p/BmrHGsrAn7T

Il rientro è sempre triste, in quell'occasione i Beach Boys ci hanno richiamati più volte poiché si stava alzando la marea, ma noi non volevamo proprio saperne di tornare. Ahimè l'abbiamo pagata, il mare ha iniziato ad agitarsi e la traversata è stata abbastanza movimentata.



Leggi Zanzibar giorno 1: Zanzibar ad Agosto: guide e consigli su cosa vedere e fare / giorno 1

Leggi Zanzibar giorno 2: Zanzibar ad Agosto: la barriera corallina a Kiwengwa Beach / giorno 2

Leggi Zanzibar giorno 4: Zanzibar ad Agosto: Stone Town e Prison Island / giorno 4



Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.